Ci sono i maschi e ci sono le femmine. Italia vs USA: chi vince?

I miei figli hanno 2 anni e 3 giorni di differenza, quindi festeggiano il compleanno a pochi giorni uno dall’altra. Così quando erano piccini, affittavo una sala dell’oratorio e facevo un’unica grande festa con tutti i loro amichetti insieme. Torta, patatine e tante bibite e poi si giocava.

Ricordo che le femminucce facevano giochi tranquilli tipo l’elastico o quelle canzoncine con le mani. Mentre i maschietti si rincorrevano e giocavano a calcio. Fortuna che era il mese di maggio e il tempo ci graziava così potevano star fuori.
L’ultimo anno in Italia, non sapevamo che sarebbe stato l’ultimo, hanno voluto fare qualcosa di diverso: pochi intimi amici a casa per un pigiama party. A questo punto richiedevano di fare due feste separate. Così, un weekend uno, e un weekend l’altra, tutti ben contenti. Le femmine si sono dedicate al “trucco e parrucco” mentre i maschi erano scatenati davanti ai videogiochi.

Poi siamo arrivati qui negli USA e han voluto fare la stessa cosa. Un weekend il figlio e il weekend successivo la figlia. Qui lo chiamano sleepover. Intanto io, da brava mamma Italiana, ho preparato torta e pizzette.

Water fight

Water fight

Il primo round è stato quello dei maschi: ero pronta al peggio e invece è stato meraviglioso: ragazzi molto educati che chiedevano per favore e ringraziavano, giochi d’acqua fuori, ma tutto molto tranquillo. La notte mi aspettavo l’assalto di Attila e dei suoi Unni, invece si sono chiusi in una stanza e bisbigliavano per non disturbare.
A questo punto ero serena per il secondo round delle ragazze.

ERRORE! Mai abbassare la guardia!
Ragazzine scatenate che correvano e urlavano come pazze. Decisamente l’educazione l’avevano dimenticata a casa: mai un grazie né un per favore. Si riempivano piatti e bicchieri per poi lasciarli lì e dimenticarsi qual era il loro bicchiere. Arroganti e sbruffone. La notte poi hanno fatto un caos bestiale tale da aspettarmi che i vicini di sotto venissero a lamentarsi.

La mattina dopo avevo un diavolo per capello, ho guardato mia figlia e le ho semplicemente detto “MAI PIÙ!”
Sinceramente non me l’aspettavo una furia del genere.
Non so se è dovuto al fatto che in casa si trattengono troppo e fuori si lasciano andare, o se sono sempre così anche a casa loro. Ho anche chiesto ai miei genitori se magari anche noi eravamo così e loro mi hanno confermato che erano i maschi quelli più scatenati.

Di sicuro ho notato che qui i genitori non si fanno tanti problemi e non riprendono i figli quando fanno qualcosa che non va o se urlano e corrono quando non dovrebbero e tendenzialmente sono ben felici di liberarsi dei figli per un weekend. Infatti nessuno si è mai opposto allo “sleep-over”. In Italia invece, ricordo che quando chiesi di lasciarmi i figli per la notte, solo una mamma non ebbe problemi fin da subito. Sia per i maschi che per le femmine. Una mamma venne addirittura  a controllare dopo cena…

A scuola qui fanno educazione sessuale ogni anno, adeguando gli argomenti e la metodologia all’età del gruppo. Fin da quando mia figlia l’ha fatta per la prima volta in quarta elementare, mi racconta che le ragazzine si schifano e preferirebbero andare dal dentista piuttosto che seguire questa lezione. E quando si parla di mestruazioni e tamponi, si abbandonano a gridolini schifati. Hanno molta vergogna dei loro corpi. Anche nello spogliatoio della piscina vanno nel bagno a cambiarsi per non farsi vedere da altre donne.  E poi spesso le vedi a 14, 15 o 16 anni con un bel pancione…

Lentamente vedo anche mia figlia regredire in tal senso quando si tappa gli occhi se vede un bacio o considera certi argomenti “inappropriati“. Anche nell’intimità della famiglia. Per fortuna almeno sul tema mestruazioni non ha problemi a chiedermi informazioni. Anche se le chiama “le cose delle donne“. Ma in fondo anche noi da ragazzine davamo nomi assurdi alle mestruazioni…

Il mio timore però è che qui ci siano troppi tabù e che in famiglia certi argomenti non vengano affrontati, nemmeno in privato fra mamma e figlia.

Renata, Wisconsin

Advertisements

3 pensieri su “Ci sono i maschi e ci sono le femmine. Italia vs USA: chi vince?

  1. Interessante… allora anche negli USA c’è questa usanza di dormire a casa degli amichetti? Che io sappia, in Italia usa molto meno (fortunate le mamme italiane!!). A dire il vero a me non va molto a genio mandare i miei figli a dormire a casa di estranei – qui in Francia è molto difficile entrare in contatto con i genitori e, spesso, anche dopo anni nella stessa scuola si arriva a malapena a scambiarsi un saluto (a denti stretti e a giorni alterni).
    Per le feste di compleanno anche io i primi 5-6 anni facevo pizzette, panini e crostate varie. Poi mi sono accorta che il salato non tira da queste parti e ora faccio alla francese – montagne di caramelle (orrore, ma le ADORANO), una torta al cioccolato e… basta. Lo so, in Italia sarebbe scandalosamente frugale. Dal punto di vista della disciplina, niente da ridire: i ragazzini francesi in genere sono molto educati.
    Anche qua, come negli USA, non c’è il concetto di festa mista – le femmine invitano solo le femmine, i maschi solo i maschi. Non mi pare che in Italia sia così (almeno ai miei tempi no di sicuro, ma… parlo del giurassico).

    Mi piace

  2. oh Renata apri il vaso di pandora…anche io dai finestrini della mia auto osservo il poco che mi e’ concesso di vedere degli altri abitanti di Houston e mi domando com’e’ possibile che loro, gli americani, non notino i contrasti enormi che vivono, tra puritanesimo ed eccessi, tra politicamente corretto oltre ogni limite del ragionevole e razzismo primordiale. Ci vuole una pazienza e una tenacia pazzesca per tenere dritto il timone della famiglia intanto che si naviga in queste acque

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...