… e sono sei mesi che sono in Italia

Sono ormai passati sei (upsh, solo cinque in realtà!) mesi dal mio rientro in Italia. Non sono brava a fare bilanci quando razionalità ed emotività si mescolano. Non sopporto i confronti Italia-Canada (o qualsiasi altro paese che non sia Italia) perché ogni paese ha la sua storia e la sua geografia, e a volte sembra che queste non siano condizioni di contesto reali, ma solo luoghi comuni.

2014.11_sei mesi

… e sono sei mesi che sono in Italia, ovvero degli equilibri che ognuno di noi trova (https://unsplash.com)

Ci sono cose che mi facevano arrabbiare in Canada e che mi fanno arrabbiare anche ora in Italia. Come quando si danno le cose per scontate e non si mettono le persone in grado di avere tutte le informazioni necessarie per potersi muovere senza disagi. Come quando ti rendi conto che spesso le persone giuste al posto giusto possono fare più di tanti sistemi e strutture.

Ci sono automatismi acquisiti in Canada che mi mettono in difficoltà se replicati qui, in Italia. Come arrivare alla cassa con la frutta ancora da pesare. O tenersi in mano il bancomat e aspettare che ti diano il lettore in mano e non viceversa come si usa qui. O come dar per scontato di poter pagare ovunque con bancomat e carta di credito o di trovare aperto con orario continuato in tutti i negozi.

Ci sono cose a cui mi sono riabituata subito anche troppo facilmente. Come le decine di tipi di biscotti per la colazione. Il formaggio, la frutta e la verdura a prezzi accessibili. I pranzi del sabato dal papà, gli aiuti in famiglia. Le cene con gli amici.

Ci sono cose che non mi sarei aspettata sarebbero successe così rapidamente. Come il rientrare al lavoro a tempo pieno. E la partenza di mio marito per la Svezia. Come il ritrovarsi una vita piena, così piena che ogni venerdì sera ringrazio per essere sopravvissuta anche questa settimana.

Ci sono cose che avrei voluto evitare. Come il far fatica a trovare tempo ed energia per le piccole grandi passioni che avevo coltivato e mi avevano tenuto compagnia nella mia esperienza da mamma expat a tempo pieno.

Insomma, non è una vita perfetta nemmeno questa eh, con mio marito distante, i bimbi che vedo un pomeriggio a settimana (weekend escluso) e la stanchezza che ti aggroviglia il cervello. Sarà perché ho la vita che ho scelto di vivere in questo momento, sarà perché un po’ bisogna trovare il modo di difendersi dalle imperfezioni, ma tutto sommato sono felice. Avevo bisogno di questa pausa italiana.

Alessandra in transito fra Canada e Italia
Ha collaborato con Amiche di Fuso da Febbraio 2014 a febbraio 2015
La trovi anche qui: Mommy Planner

 

Annunci

2 pensieri su “… e sono sei mesi che sono in Italia

  1. Pingback: Un anno di Amiche di Fuso | Amiche di fuso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...