L’amore é nell’a[r]ia

Facciamo un esercizio: pensiamo alla Francia. La tour Eiffel, la baguette sotto il braccio, il basco, Dior, Chanel, Cannes, Yves Saint Laurent e giù di lì. Ricercatezza, stile, lusso, cucina e dolci troppo burrosi, un po’ di puzza sotto il naso, donne magrissime nonostante le tonnellate di formaggio.

L'amour est dans le pré -m6

L’amour est dans le pré -m6

E se invece vi dico che uno dei reality più seguiti dai francesi è un’agenzia matrimoniale per allevatori di mucche? ‘Farmer wants a wife [Il fattore cerca moglie] è stato un flop in Inghilterra e Stati Uniti, ha sopravvissuto un po’ in Australia, e ha sbancato –  pensate un po’ – in Francia, dove oramai è alla nona stagione, sta da sempre in prima serata, e per 3 o 4 mesi di fila fa ascolti come il festival di Sanremo quando è un filo triste (ma pur sempre come il festival di Sanremo!)

I protagonisti di questo reality sono una decina di agricoltori e allevatori, uomini e donne, sparsi un po’ dovunque nelle remote regioni francesi (guardiamo il mappamondo: la Francia ha la stessa popolazione dell’Italia ma due volte la superficie) che, per una ragione o per l’altra non sono riusciti ad accasarsi e passano la giornata a mungere vacche e pascolare capre, con poche chance di interazione sociale. A volte sono casi umani, altre una roba tipo il giardiniere di Lady Chatterley, che potevano anche farcelo scovare prima.

L'amour est dans le pré -m6Questi agricoltori/ici e allevatrici/ori si presentano al gran pubblico nella prima puntata e aspettano pretendenti da tutta la Francia. Tra le decine di lettere ricevute, scelgono ciascuno un paio di pretendenti che dovranno passare contemporaneamente un weekend alla fattoria, viverne i ritmi, cimentarsi nei lavori agricoli, flirtare con il loro oggetto del desiderio e surclassare la rivale, prima che il fattore scelga la sua principessa/principe e la storia continui altrove. Una volta definita la prescelta,  i due vanno a fare un viaggio fuori: spesso è la prima volta che il fattore si prende delle vere ferie e non dovra’ svegliarsi alle 5 di mattina come solitamente fa 365 giorni l’anno, perché ‘le mucche non sanno che è domenica’. Come nel migliore cliché la cittadina media, che non ha mai nemmeno sentito la puzza di una mucca, inizia a  fantasticare sulla sua nuova vita a soli comodi 30 km dal primo centro abitato e 50 dal parrucchiere più vicino. E a volte funziona: dalla trasmissione sono nati matrimoni, figli e persino tradimenti!

4457351--candidat-de-l-amour-est-dans-le-diapo-1La prima volta che lo vidi pensai ad uno scherzo, ad un documentario sponsorizzato dalla Confagricultura. O a un pilot destinato all’oblio. E invece il francese medio pare andarci discretamente pazzo, perche’ il programma ricorda ai francesi le loro origini agricole e che la metà del loro territorio é dedito a agricultura e allevamento. Ora, quando ho ospiti sventurati che restano qualche giorno, L’amour est dans le pré [L’amore è nell’aia]  fa parte del programma sociologico obbligatorio, per comprendere come ‘sti cugini francesi siano in realtà abbastanza diversi. Voi ve lo immaginereste un programma simile in Italia? Che va avanti da 9 stagioni per 3 mesi in prima serata su Italia 1?

Forse servirebbe il geografo o storico di turno per addentrarsi meglio nelle sottili differenze storico/geografiche trans e cisalpine. Io mi fermo qua. Ma non ce la faccio a non dirvi che una delle espressioni, non eccessivamente eleganti ma usate tranquillamente tutti i giorni pure a Parigi, è vachement per dire vraiment o trop, cioè muccamente per dire veramente, troppo.

Muccamente buffo, non trovate?

Annunci

4 pensieri su “L’amore é nell’a[r]ia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...